Come riconoscere e prevenire la Toxoplasmosi del gatto

Molti ne hanno sentito parlare ma bene pochi sanno come riconoscere e prevenire la Toxoplasmosi del proprio gatto.

Questa infatti è solitamente conosciuta per la sua elevata pericolosità nelle donne in gravidanza che spesso preferiscono escludere il proprio compagno felino per precauzione.

Cos’è la toxoplasmosi

La toxoplasmosi è una malattia infettiva che afflige circa il 50% dei gatti.

Si manifesta attraverso delle uova presenti nel tessuto muscolare, nervoso e viscerale del gatto che, una volta espulse come feci nella lettiera, risultano altamente contagiose per l’uomo.

Normalmente sono pericolose solo per le donne ingravidanza perché possono comportare cecità e malformazioni del feto.

Riconoscerla e curarla

Riconoscere un gatto portatore di toxoplasmosi è difficile.

A meno che non interessi linfonodi ed altri organi specifici questa non mostra sintomatologie; in caso contrario invece possono verificarsi letargia, anoressia, dispnea da polmonite, uveite ed emorragie alla retina.

Essendo sintomi differenti tra di loro e diffusi, per esserne certi si consiglia di rivolgersi ad un veterinario.

Un esame delle feci infatti confermerà o smentira i vostri dubbi proponendovi la cura più adeguata che solitamente consiste in un ciclo di trattamento di antibiotici.

Prevenire la toxoplasmosi nel gatto

Per prevenire la comparsa della toxoplasmosi nel proprio compagno felino bastano alcune piccole accortezze riguardanti l’alimentazione e la pulizia.

Nel primo caso si dovrà fare attenzione a ciò che il gatto mangia: si consiglia di cuocere bene la carne prima di proporglierla e di evitare che mangi le prede che caccia da solo (nei gatti abituati a stare all’aria aperta potrebbe essere un bel problema).

Nel secondo caso, invece, basterà riservare una lettiera al proprio gatto (si evita così il contatto con un gatto già malato) e pulirla ogni giorno facendo attenzione ad indossare guanti che la renderebbero infettiva anche per noi uomini.

Non rinunciare alla compagnia del tuo gatto, fai semplicemente attenzione alle sue abitudini e a ciò che mangia.

Malattie