Alimentazione: come scegliere cosa e quanto cibo dare al proprio gatto

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo !

Quanto cibo dovrei dare al mio gatto? Meglio il cibo secco o umido?

Questa è la domanda che tutti i possessori di gatti si fanno inizialmente.

A volte scelgono di cercare su internet, altre volte decidono semplicemente di soddisfare le richieste di cibo del proprio gatto.

Qui sorge il primo problema perché è facile scambiare semplici coccole con domande di cibo.

Come per noi umani, anche per il gatto, la quantità di cibo da assumere varia in base ad alcuni fattori come il peso, il tipo di alimentazione scelto, lo stile di vita e l’età.

Ad ognuno la giusta quantità

Le dosi di cibo necessarie per garantire al proprio gatto la giusta alimentazione variano in base al peso e alla tipologia scelta.

Nel caso di cibo umido un gatto adulto dovrebbe riceverne 40 grammi per chilo.

Se invece scegliamo il cibo secco le quantità si riducono drasticamente (bastano 13 grammi per chilo) perché questo è molto più concentrato del precedente.

Un micio che pesa 7 Kg quindi dovrebbe ricevere giornalmente 280 grammi di cibo umido o 93 grammi di cibo secco.

Quale è meglio scegliere?

I gatti hanno preferenze alimentari innate che lo portano a preferire cibi umidi a base di carne, ma, per avere una corretta alimentazione, hanno bisogno di alternare cibo secco e umido e di mangiare anche alimenti di origine vegetale.

L’alimentazione corretta per lo stile di vita

Le dosi sopra indicate non devono essere prese alla lettera perché ogni gatto può avere un suo metabolismo, riconoscibile solamente attraverso l’osservazione.

Se vedete il vostro micio dimagrire nonostante il piattino sia sempre vuoto, ci sono due soluzioni: la quantità di cibo che riceve è troppo poco o questo è poco calorico.

Se al contrario diventa ogni giorno più grasso, può aver un metabolismo troppo lento o aver bisogno di cibo più dietetico.

Per essere sicuri di individuare la quantità e l’alimentazione perfetta per il vostro piccolo soffice amico, vi consigliamo comunque di chiedere il consiglio del vostro veterinario.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo !
Consigli